Napoli, toccata e fuga nella città del sole

Napoli, toccata e fuga nella città del sole

Napoli è una città tanto caotica quanto meravigliosa dove sole, mare, pizza e babbà riempiranno le vostre giornate napoletane.

image

Se però il tempo a disposizione per la visita è breve bisogna concentrare l’attenzione sul centro città che, specialmente nel periodo natalizio si riempie di luci e decorazioni.

ARRIVARE NEL CENTRO DI NAPOLI

Dall’aeroporto Capodichino

image

È consigliato acquistare il biglietto UNICO ALIBUS.

Al costo di € 3,00 è possibile raggiungere con navetta Piazza Garibaldi nel centro della città e da li utilizzare il trasporto urbano per complessivi 90 minuti.

Dalla Stazione Garibaldi

Dovendo scegliere tra autobus e metropolitana sceglierei la seconda, visto il traffico napoletano sempre molto vivace.

Consigliato invece visitare la nuova linea 1 della metropolitana, recentemente rinnovata in maniera impeccabile.

Il costo del biglietto è di € 1,30 ed è valido per 90 minuti.

 

image

ITINERARIO NAPOLETANO

1 – piazza del Plebiscito

Questa grande piazza rappresenta uno dei simboli di Napoli, circondata da edifici di rilievo storico ed artistico. Oggi è (quasi) completamente pedonale anche se vi circolando comunque bus turistici e alcune auto incuranti del divieto di circolazione.

image

D’obbligo una sosta per la colazione al Gran Caffè Gambrinus, locale prestigioso di Napoli oltre che caffè letterario. Qui potrete gustare la pasticceria napoletana ed il vero caffè napoletano, denso, aromatico e mai decaffeinato!

image

image

2 – via Toledo

Via Toledo è la via commerciale tra piazza Plebiscito e piazza Dante. Anche se quasi completamente pedonale, non è inusuale sentire alle proprie spalle il clacson di auto e motorini che circolano tra i pedoni (del resto, siamo a Napoli!).

image

Lungo la via troverete una delle quattro entrate della Galleria Umberto I. Vi consiglio di entrare non solo per ammirare il prestigio della struttura ma anche per curiosare tra negozi e caffetterie.

3 – Quartieri spagnoli

Alla sinistra di via Toledo si aprono i famosi Quartieri Spagnoli, vicoli tanto pittoreschi quanto temuti dai turisti. Per visitare questa parte della città bisogna senz’altro prendere alcune precauzioni per evitare il rischio di scippo o di altri eventi spiacevoli.

image

Non si può negare però che i quartieri spagnoli sono il cuore della cultura popolare e dello stile di vita napoletano; i panni appesi lungo la via, le grida dei bambini, il rombare dei motorini, le chiacchiere dai balconi ne sono una testimonianza.

4 – piazza Dante e Port’Alba

È uno dei principali snodi della città ove sorge la statua dedicata a Dante Alighieri.

image

Da Port’Alba, antica porta della città di Napoli si accede all’omonima via Port’Alba, famosa per le sue antiche librerie tra cui la Libreria Guida compresa tra i beni culturali dello Stato.

image

5 – via dei Tribunali

Questa via è senz’altro una delle più caratteristiche di tutta Napoli. Lungo la strada si possono ammirare numerosi edifici di culto tra cui la Basilica di San Paolo Maggiore, quella di San Lorenzo Maggiore e la chiesa dei Girolamini ma ciò che consiglio di apprezzare è la quantità di botteghe, negozietti e ristoranti tipici.

image

Approfittate per acquistare prodotti campani DOP come la mozzarella di bufala, il provolone, il caciocavallo…

In via dei Tribunali non potete non assaggiare la famosa pizza ‘a portafoglio’ nella storica pizzeria e friggitoria “Di Matteo”…basterà € 1,00 per assaggiare una delle migliori pizze di Napoli! image

6 – via San Gregorio Armeno

Secondo me l’unica via che non può mancare in un itinerario napoletano, specialmente nel periodo natalizio. Qui potrete ammirare le creazioni dell’arte presepiale napoletana alle quali di Natale in Natale si aggiungono nuovi personaggi in base agli eventi (tragi-comici) accaduti durante l’anno.

imageimageimage

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>